\

Il mio Progetto Fashion & Art Fusion

Oggi parte l’edizione 2017 del mio progetto FASHION & ART FUSION iniziato lo scorso anno, fusione tra moda e arte per non dimenticare che entrambe sono strettamente legate fra loro dall’estrinsecazione di quel lato dell’anima di cui solo alcune persone sono dotate: gli artisti.

Gli artisti hanno la capacità di esprimere la propria personalità (che io preferisco definire anima) attraverso la creatività guidata dalla passione trasformandola in opere intrise di valore estetico.
La creatività può spaziare dalla pittura, alla musica, all’architettura, al disegno, alla scrittura, alla scultura, alla danza, alla recitazione, alla fotografia ed ovviamente alla moda.

Questa la ragione per cui ho deciso di presentarti l’outfit che ho indossato in occasione della sfilata dello stilista ALBERTO ZAMBELLI lo scorso 27 Febbraio 2017 in occasione della Milano Fashion Week in una location dal mood unico e coinvolgente.

IL MIO OUTFIT FIRMATO ALBERTO ZAMBELLI indossato durante la sfilata

Un completo in crepe casacca e pantalone total white della collezione Zambelli SS 2016.
Casacca smanicata a taglio leggermente trapezoidale con tasche laterali e intarsio in organza dal sapore d’Africa.
Pantaloni a vita media equamente morbidi con orlo asimmetrico che si accorcia sulla caviglia nella parte interna, mentre la copre esternamente.

Il colore bianco, il design decisamente minimalista, i tessuti (crepe ed organza) fanno sì che questo outfit profumi di Africa e nel contempo che esso sia chiara espressione dello stile che contraddistingue Alberto Zambelli.
Per la collezione SS 2016 lo stilista si è ispirato agli scatti fotografici di Seydou Keìta  scattati in Mali perchè “Osservare non è solo guardare, ma è farsi portare là dove l’immagine vuole condurti.” (Cit. Alberto Zambelli)

Prendendo spunto dalla citazione dello stilista, indosso ed osservo il mio outfit e mi faccio condurre in una location ricca di opere d’arte: SPAZIO MO.KA (Soresina – Cremona, Via Zucchi Falcina 18) dell’artista LUCIO ARZUFFI.

La curatrice d’arte ELENA DAGANI (che puoi seguire su Facebook cliccando qui) mi racconta che lo spazio espositivo in cui mi trovo originariamente era una filanda , tipico stabilimento del Nord Italia in cui in passato venivano effettuate la lavorazione e la filatura della seta e del cotone.

Erano edifici di grandi dimensioni a più piani con grandi finestre per garantire la necessaria illuminazione. Infatti, lo stabile in cui mi trovo presenta proprio queste caratteristiche e SPAZIO MO.KA è situato al piano terra, mentre al secondo piano vi è un altro spazio espositivo, di cui però ti parlerò prossimamente.
Al piano terra la filanda è stata convertita in una fabbrica di macchine per caffé e l’inventore del meccanismo della Moka (mi spiega Elena Dagani) era di Soresina, il quale successivamente vendette il brevetto agli americani.
L’artista Lucio Arzuffi e la curatrice Elena Dagani hanno pertanto deciso di ricordare la storia di questo paese della provincia cremonese e mantenendo fede alla tradizione del luogo hanno chiamato questo spazio espositivo SPAZIO MO.KA

Brand: ALBERTO ZAMBELLI (abito) – OLIVER PEOPLES (occhiali da sole) – STEVE MORRIS (sandali color argento)

Foto: www.officinafoto.it

LUCIO ARZUFFI Quadro realizzato con bustine di zucchero

LUCIO ARZUFFI Quadro realizzato con bustine di zucchero

LUCIO ARZUFFI Quadro realizzato con bustine di zucchero

LUCIO ARZUFFI Quadro realizzato con bustine di zucchero

LUCIO ARZUFFI Quadro realizzato con bustine di zucchero e Quadro
realizzato con zollette di zucchero e fili di cachemere colorati all’interno
delle zollette

LUCIO ARZUFFI Quadro realizzato con bustine di zucchero e Quadro
realizzato con zollette di zucchero e fili di cachemere colorati all’interno
delle zollette

LUCIO ARZUFFI Quadro realizzato con bustine di zucchero e Quadro
realizzato con zollette di zucchero e fili di cachemere colorati all’interno
delle zollette

ROBERTA PAGLIARI Quadri neri e oro

LUCIO ARZUFFI Quadro realizzato con bustine di zucchero

LUCIO ARZUFFI e ROBERTA PAGLIARI

ROBERTA PAGLIARI Quadro foglia d’oro su Juta

ROBERTA PAGLIARI Quadro foglia d’oro su Juta

ROBERTA PAGLIARI Quadro foglia d’oro su Juta

ROBERTA PAGLIARI Quadro foglia d’oro su Juta

ROBERTA PAGLIARI Quadro foglia d’oro su Juta – LUCIO ARZUFFI Mobile
Reception anni ’70

LUCIO ARZUFFI Quadro realizzato con bustine di zucchero e Quadro
realizzato con zollette di zucchero e fili di cachemere colorati ROBERTA
PAGLIARI Quadri nero e oro

LUCIO ARZUFFI Quadro realizzato con bustine di zucchero e Quadro
realizzato con zollette di zucchero e fili di cachemere colorati ROBERTA
PAGLIARI Quadri nero e oro

Ladybb

Ladybb – Autore del Blog. Amante della moda e di ogni forma di eleganza presente, perché la moda non è espressione dell’effimero.

Pin It on Pinterest