ROMANTICISMO VS MILLENNIALS

Nell’epoca dei Millennials si può ancora parlare di romanticismo?

Sono figlia degli anni ’70, quindi una adolescente degli anni ’80 e sono diventata una donna a partire dai ’90, e come tale riscontro in me una sorta di impreparazione nell’interazione con la c.d. “Generazione Y”, la “Millennial Generation” appunto, da molti definita “Generation Next” od ancora “Nex Generation”, ossia la generazione di coloro che sono nati tra primi anni ’80 (1982 per la precisione) ed il 2001, pertanto coloro che oggi rientrano in una fascia di età compresa tra i 35 ed i 16 anni.

Questa mia impreparazione, in alcuni casi, si trasforma in confusione, obbligandomi a mettere in discussione i miei ferrei principi di vita. Perché davvero i miei principi di vita sono ferrei, ma i Millennials, a volte, hanno quasi un potere magico su di me: mi attraggono e mi confondono nello stesso tempo.
Ne sono attratta perché la quotidianità mi conduce inevitabilmente ad interagire con loro; ne sono attratta perché, nonostante la definizione con la quale vengono etichettati, sono persone; ne sono confusa perché il loro linguaggio, anche del corpo, non sempre mi appartiene.

PINKO PE 2017

ROMANTICISMO VS MILLENNIALS

Non è mia intenzione redigere un trattato socio-culturale, desidero unicamente condividere con te alcune mie personali riflessioni, prive di inutile saccenteria.
Quindi mi siedo e mi metto comoda…

PINKO PE 2017

“Generazione Y”, una definizione che mi ha affascinata ed incuriosita fin dalla prima volta che l’ho sentita e quindi perché non parlarne sul mio blog visto che lo ritengo un argomento di grande attualità ancora oggi?
Perché coniare tale termine per coloro che sono nati dal 1982 al 2001? E perché essi stessi, a detta di alcuni studiosi, hanno voluto definirsi tali con l’obiettivo di dissociarsi dalla Generazione X?

Vorrei tentare di individuare qualche fattore scatenante, partendo dall’aspetto tecnologico.
Resto ancora seduta, ma ora quasi in bilico …

PINKO PE 2017

Rispetto alla mia generazione, questi giovani sono nati e cresciuti con le nuove tecnologie digitali: Internet, e-mail, SMS, WhatsApp, Facebook, Twitter, Instagram, YouTube, MySpace, Skype, Snapchat, Smart-Phone.

Io sono cresciuta con la televisione, in bianco e nero priva di telecomando prima ed a colori con tanto di telecomando poi; alla tenera età di 25 anni per Natale mi è stato regalato il mio primo cellulare (nota bene: telefono, non Smart-Phone) ed il primo vero PC con sistema operativo Windows l’ho utilizzato per la prima volta verso i 22 anni nella biblioteca della mia facoltà.

Non me ne vergogno, è il mio passato…

PINKO PE 2017

Pertanto, grazie alla dimestichezza con le tecnologie digitali questi ragazzi hanno potuto usufruire, fin dall’infanzia, di una più rapida e facile comunicazione con il mondo intero, forse trascurando la comunicazione fra di loro, ma probabilmente mi sbaglio…

E’ indubbio che Internet abbia determinato un grandissimo cambiamento culturale e comportamentale, che a sua volta si riversa sul mercato. I Millennials sono impulsivi nelle loro scelte, sono difficilmente fedeli ad un Brand, ed inconsapevolmente influenzati dal Web danno importanza alle ultimissime tendenze, e non solo in fatto di moda, anzi ricercano i nuovi trends come se stessero cercando il “Santo Graal”.

PINKO PE 2017

PINKO PE 2017

Un altro aspetto che caratterizza i Millennials è la loro propensione a non abbandonare la casa dei genitori o comunque a ritardarne l’uscita e quindi la propria indipendenza. Per la sindrome da “Peter Pan” o per oggettivi problemi economici? Forse per entrambe le ragioni, non devi infatti dimenticare che questa generazione è cresciuta in un periodo di grande crisi economica, tra il 2007 ed il 2010 i livelli di disoccupazione giovanile hanno raggiunto in Europa tassi spaventosi.

ROMANTICISMO VS MILLENNIALS

Nell’epoca dei Millennials si può ancora parlare di romanticismo?

Ti rispondo piroettando sulle parole …

PINKO PE 2017

“Romanticismo” in inglese si traduce con “romantic”.
“Romantic” deriva da “romance”.
“Romance” in italiano si traduce con “romanzesco”.
“Romanzesco” significa “non reale”.
Dai testi scolastici apprendiamo che il Romanticismo è stato un movimento culturale e letterario nato in Germania nel XVIII secolo, poi diffusosi in Europa nel XIX secolo.

Il termine Romanticismo veniva utilizzato per indicare quel genere letterario che trattava di storie fantastiche, frutto dell’immaginazione e della fantasia di ogni artista, quindi “storie non reali” appunto.
Sì, ritengo che nell’epoca dei Millennials si possa ancora parlare di romanticismo, in fondo chiunque di noi può trasformarsi in un artista del XIX secolo e pubblicare sui canali Social una “storia fantastica” frutto della sua più fervida immaginazione e corredarla di una immagine accattivante.

Non sono in grado di scrivere “storie fantastiche”, quindi mi sono limitata ad indossare un abito che mi fa sentire “romantica” grazie al design ed alla plissettatura del busto e delle maniche, alla sua lunghezza arricchita da un’ampia balza, alla scollatura che richiama i tempi passati e l’ho abbinato a dei sandali glitter come una vera Millennial (forse)..

PINKO PE 2017

Un abbraccio

Ladybb

Ladybb – Autore del Blog. Amante della moda e di ogni forma di eleganza presente, perché la moda non è espressione dell’effimero.

Pin It on Pinterest