Dove sono? 🙂

Ci arrivo subito…

Il 13 Ottobre 2016 ho partecipato alla mostra “YOU – THE DIGITAL FASHION REVOLUTION” , mostra presentata dalla rivista GRAZIA e dalla fashion blogger di fama internazionale THE BLONDE SALAD, in collaborazione con TIFFANY & Co, tenutasi dal 7 al 13 Ottobre 2016 presso la TRIENNALE DI MILANO. Una mostra dedicata al temaLA RIVOLUZIONE DIGITALE CHE HA CAMBIATO IL MONDO DELLA MODA.

Sono ONORATA di aver partecipato a questo magnifico evento. Evento che è diventato una vera e propria community.

con hashtag ufficiale >> #DigitalFashionRevolution

Ci tengo in modo particolare a condividere con voi parte di ciò (tutto non è possibile, molti dettagli come l’atmosfera che ho respirato non sono facilmente descrivibili ed inoltre rischierei di annoiarvi …)  che ho potuto apprendere ed assaporare durante questo evento.

L’atmosfera è stata fantastica e ha rappresentato per me un altro piccolo grande passo per la mia carriera. Insomma, un pò come aver letto un bel libro sono diventata più ricca di informazioni e idee che mi accompagneranno da qui ai prossimi mesi.

La location degna di nota, al primo piano dello storico palazzo milanese che ospita la TRIENNALE, ti immerge, con musica e video, in un ambiente fashion, glamour e contemporaneamente culturale, ovviamente per coloro che sono appassionati di moda e degli attori e protagonisti che operano in questo settore.

All’ingresso sono stata accolta da un mega schermo su cui vengono riprodotti i video girati all’interno della “camera degli specchi”, una camera totalmente rivestita di specchi e luci, al cui interno è possibile registrare dei video con base musicale. Tutti i partecipanti alla mostra vi possono accedere liberamente e anche la divina fashion blogger Candela ha partecipato a questa simpatica iniziativa in compagnia dei visitatori..

 

La location è strutturata in ampi corridoi, alcuni con pareti bianche, altri con pareti rivestite di specchi, corridoi sinuosi che accompagnano i visitatori alla scoperta della RIVOLUZIONE DIGITALE CHE HA CAMBIATO IL MONDO DELLA MODA. Appena arrivata mi sono subito emozionata, sembrava tutto così perfetto. Tutto così stupendo come sognavo da tanto tempo. Insomma, ero proprio io a trovarmi li, in uno degli eventi principi della moda.

Ed ora vi parlo di questa RIVOLUZIONE..

Rivoluzione, si proprio quella rivoluzione non solo digitale ma emotiva e caratteriale che mi ha cambiato nel tempo

Perché se sono li è grazie al cammino che ho intrapreso tanto tempo fa.

C’è una cosa che ha attirato in maniera particolare la mia attenzione e che  ha contribuito a farmi comprendere da dove tutto è partito, Mi sono domandata:  DA DOVE E’ PARTITA QUESTA RIVOLUZIONE DIGITALE?

Questa RIVOLUZIONE  parte dal “STREET STYLE MANIA” : “Dagli anni ’50, sulle strade delle grandi città, i giovani cominciano a far sentire la propria voce e a conquistare la libertà di esprimersi, anche attraverso l’abbigliamento. Inizia l’era dello Strett Style che influenzerà arte, design, cinema, fotografia e moda. A immortalare l’evoluzione del fenomeno è la street style photography, il cui fondatore è Bill Cunningham. Molti fotografi seguono il suo esempio e con la nascita del web trovano spazio per condividere il proprio lavoro nei blog.” (Cit.)

“HASHTAG ED EMOJI: UN NUOVO MODO DI COMUNICARE”: “Il 17 Luglio 2015 si è celebrato il #WorldEmojiDay. Nello stesso anno l’Oxford Dictionary nomina la faccina sorridente parola dell’anno e la ricerca dell’hashtag perfetto diventa un’ossessione dei tempi moderni. Questo insieme di simboli per la messaggistica elettronica e web ha cambiato il modo di comunicare. E’ una nuova lingua fatta di simboli, con i quali si possono scrivere intere frasi indicando cose, persone e sentimenti. E’ un codice chiaroe inequivocabile, ma soprattutto, universale. Latino 2.0 ” (Cit.)

LA CONDIVISIONE E’ L’ESSENZA DEI SOCIAL MEDIA” (Zoe Sugg / Star di YOUTUBE)

Molte delle celebrity di Instagramm scattavano foto molto belle. Ma stiamo assistendo ad un cambiamento: non si tratta più di bellezza, ma della storia che raccontano” (Kevin Systrom / Cofondatore di Instagram)

L’Oxford Dictionary elegge selfie parola dell’anno nel 2013, riconoscendela come potente strumento di espressione e racconto di sé. Il Time pubblica nel 2012 la prima copertina scattata con un iPhone 4S e segna un momento importante nell’acquisizione dei linguaggi dell’era digitale. L’uso dei filtri di iPhone e di Instagram permette a chiunque di personalizzare una foto, rendendola più bella, malinconica, colorata o vintage. La fotografia tradizionale viene rivoluzionata così dall’avvento della mobile photography”.

IL DIARIO: “L’uomo della strada diventa il protagonista della cultura contemporanea. A cavallo dei due millenni l’individuo sembra di nuovo al centro di tutto in una sorta di Umanesimo 2.0. Ognuno sembra voler raccontare se stesso, prima attraverso la forma del diario privato e poi, con la nascita del web, attraverso i blog. Antesignante del fenomeno sono due personaggi di fantasia. Bridget  Jones e Carrie Bradshaw, icone in cui si identifica un’intera generazione.” (Cit.)

SILVIA GRILLI Editor-in-chief della rivista GRAZIA: “Nel 2006 GRAZIA, per volere del Direttore SILVIA GRILLI, apre un blog, il primo magazine in Italia. E’ concepito come un posto dove andare, intrecciare convesrazioni e amicizie, dove ognuno è protagonista e racconta la sua storia.” (Cit.)

Mi piacerebbe molto proseguire questo mio articolo condividendo con voi la storia della grandi fashion blogger ed influencer internazionali, ma parto dal presupposto che la loro storia sia ormai di dominio pubblico ed io ho voluto partecipare a questa mostra per approfondire gli aspetti di cui vi ho parlato, benché in maniera sintetica, riportando volutamente le citazioni e le parole dei grandi del settore, parole e concetti espressi talmente chiaramente che sarebbe un peccato “metterci del proprio”.

Inutile dire che torno a casa con una ricchezza interiore e un emozione UNICA!

Pin It on Pinterest